Storie dell’altro mondo


Rassegna di cinema e cultura d’africa e d’oltre

Non c’e nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima”

– Ernst Ingmar Bergman

Il cinema è narrazione. E’ un modo immediato di creare storie e trasmettere immagini del nostro mondo. I film agiscono sugli spettatori come testimonianza diretta di quello che succede intorno a noi.
E’ un potente mezzo di comunicazione grazie alla sua struttura che unisce livello sonoro con il livello visivo e questa combinazione sa evocare nelle persone forti sentimenti. Facendo scaturire queste emozioni è portatore anche di messaggi e fa riflettere su grandi temi di attualità.

Quando?

Ogni due anni ha luogo la nostra “rassegna di cinema e cultura africana”  denominata “Storie dell’altro mondo”.
Questo evento ha inizio nel 2004 e, come appuntamento fisso, arriva con i primi caldi.

Siamo giunti già alla 7ᵃ edizione di questa manifestazione e vogliamo chiarire alcuni punti fondamentali riguardanti il nostro evento..

A chi ci rivolgiamo? 

Ci rivolgiamo alle scuole, che partecipano alla rassegna la mattina con film adatti a un pubblico giovane, e ai cittadini, che sono invitati il pomeriggio e la sera a prendere parte alle proiezioni e agli eventi collaterali. Ad accompagnare la visione dei film durante tutta la rassegna ci sono ospiti che trattano i temi oggetto della rassegna sotto il profilo: giornalistico, geopolitico, artistico, audiovisivo, sociale con testimonianze e argomentazioni avanzate da chi è impegnato in prima linea nella difesa dei diritti inviolabili e inalienabili dell’uomo.

Che temi affrontiamo?


La rassegna ha lo scopo di sensibilizzare i partecipanti su argomenti sensibili del mondo contemporaneo. Le tematiche che trattiamo riguardano le disuguaglianze Nord -Sud del mondo, macro-area che include il tema della sovranità alimentare e del diritto inalienabile al cibo di intere popolazioni soggette irrimediabilmente a carestie frutto dei cambiamenti climatici che stanno affliggendo il panorama globale.

L’educazione alla mondialità, all’intercultura, al dialogo interreligioso, alla convivenza, alla diversità intesa come ricchezza e non come minaccia sono altri degli aspetti che ci devono far  interrogare sul nostro essere cittadini ma prima ancora sul nostro essere uomini e donne “co-responsabili” e rispettosi verso ciò che calpestiamo: la madre terra, verso colui che mi sta accanto: l’altro diverso da me ma per il quale io esisto e verso ciò che sta sopra di me: quell’unico Dio che ci fa essere tutti fratelli.

Il volto dell’Altro mi coinvolge, mi pone in questione, mi rende immediatamente responsabile

Emmanuel Levinas

Da qui la nostra attenzione da sempre, ma ancor di più in questi ultimi anni, verso l’argomento dell’”accoglienza” che ci ha portato a trattare il tema dei flussi migratori, del viaggio, della conoscenza dell’altro….dell’erranza come situazione che da sempre contraddistingue l’essere umano in un alternanza pericolosa tra il suo stato naturale e il bisogno di sopravvivenza.

Mettiti in contatto con noi

Amani Nyayo Onlus

Via della rosa 42, Lucca 55100
info@amaninyayo.it

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: